May 14, 2012

Nuove sfide, nuovi traguardi

Economia

Nuove sfide, nuovi traguardi

Come forse sapete, il 24 aprile mi è stato chiesto di assumere la presidenza di Benetton Group, l’azienda che porta il nome di famiglia. Chi volesse conoscere qualche aspetto tecnico in più, può leggere qui. Con i lettori di questo blog, che da qualche mese seguono le mie riflessioni, vorrei invece condividere – in due parole – qualche pensiero su questa nuova avventura.

Non mi sfugge la portata della sfida che mi e ci attende: il paradosso è che lavoriamo in un business fra i più antichi (da millenni l’uomo lavora la lana per coprirsi) ma al tempo stesso fra i più dinamici e aperti al continuo cambiamento, per effetto della moda, della tecnologia, dei cambiamenti sociali e culturali. In questa felice contraddizione fra tradizione e innovazione c’è tutto quello che ci aspetta: le difficoltà, ma anche il fascino enorme di questo lavoro, “costretto” a reinventarsi continuamente.

Anche per questo guarderemo sempre più ai giovani: come al nostro pubblico naturale, certo, ma anche come ai nostri interlocutori privilegiati, portatori di nuove idee e nuove sensibilità.

Economia. Tags: , , , , , , , , , , , ,

Share Post

8 Responses to “Nuove sfide, nuovi traguardi”

  1. Fabrizio says:

    Buona sera presidente, le auguro un fervido futuro alla guida dell’azienda di famiglia. Io sono il papà di un ragazzino di 12 anni che ha una passione da quando è nato, l’equitazione. Io non ho i mezzi per aiutarlo come vorrei in questo percorso, ma lui è determinato, a scuola ha la media del nove e nel suo sport ha già conquistato 3 medaglie d’oro ed una di argento. Se avessi la possibilità le farei avere un video ed alcune foto. Grazie

  2. Fiorenza says:

    Alessandro, certo i tempi non sono facili. Ma anche tu come me vieni da una terra che insegna a non mollare mai!!! Buena suerte……

  3. Nome Simonetta Menna Genova says:

    Una sfida fattibilissima, non c’è improvvisazione ma esperienza e solidità. Io anche ho contribuito alla crescita del marchio, in Liguria, il mare è formato da piccole gocce d’acqua…la filosofia Benetton è stata questa, i clienti hanno fatto si che il marchio si vedesse ovunque, la mia è stata questa: “più si vede, più si vende”. C’è una vcchia pubblicità degli anni 70, è anche esposta in Benetton a Castrette, nel manifesto due giovani donne, vestite con maglieria Benetton, lo slogan era “BENETTON E’ MODA VIVENTE”, questo è diventato il mio motto. Ho venduto 25 anni ai negozianti questo marchio e continuerei a farlo con la solita gioia se solo potessi farlo.
    Alessandro Benetton porterà avanti il nome e lo renderà ancora più famoso, le nuove generazioni dovranno ritrovarsi nel marchio, bisogna solo ripercorrere il passato adattandolo ai giorni di oggi, per mezzo della tecnologia di cui tutti facciamo uso. Avanti Mr President!!!!

  4. Mi sono imbattuta nel suo blog per caso , come sempre navigando nella rete alla ricerca di nuovi spunti per il mio lavoro. Sono una giovane imprenditrice con una “piccola ” rete di negozi specializzati in alcuni centri commerciali italiani e il mktg è la mia passione oltre che il mio lavoro …Ho letto qua e là qualche pagina, ho ammirato qualche immagine e mi sono chiesta …come si riesce ad arrivare fino a lì..io non riesco ad andare oltre i 13 negozi e c’è sempre qualche difficoltà nuova da affrontare ogni mattina . Quale è il segreto ? Cosa è che riesce a trasformare un business in un gruppo come Benetton ? Poi ho fatto un veloce parallelo : io mi sono laureata in economia aziendale all’Università Ca’ Foscari di Venezia , lei negli States , io ho conseguito 3 corsi estivi alla Miami University in advertising promotional management, ecc …lei ha un Mba ad Harvard ..è solo questo che fa la differenza ?
    ci deve essere qualcos’altro…lei cosa ne pensa ? tante persone hanno visto una mela cadere a terra ..ma solo una ne ha dedotto la legge sulla gravità ..come si fa a creare qualcosa di diverso e grande ?

  5. Stefano Cimmino says:

    Caro Presidente, Le auguro di vincere questa sfida, anche con l’aiuto dei tanti partner commerciali (io sono uno di questi). Effettivamente risulta molto difficile stimolare il consumatore in realtà che purtroppo si stanno impoverendo ma….mai arrendersi! Abbiamo vissuto situazioni simili e ne siamo usciti fuori, sarà così anche oggi, con la creatività, la speranza e la voglia di fare.

  6. Nome says:

    Egr. Mr. President,
    Eravamo vicini di casa ma non ho mai avuto l’opportunita’ di incontrarla, ho viaggiato molto, ora vivo all’estero ormai da alcuni anni e mi dispiace molto non trovare facilmente i negozi Benetton in giro per gli Usa e Canada, ma da commerciale estero Le faccio tanti auguri per il migliore dei risultati.

  7. Corrado Sulsente says:

    Anche se spesso di dice che “il futuro non ha ricordi” penso che la storia permetta
    di comprendere dove siamo oggi e perché: ritengo che questo sia un valore
    imprescindibile della conoscenza. Chi e’ al timone ha la responsabilità
    di guidare verso la meta, con coraggio e saggezza, con energia e sicurezza.
    Il vostro marchio ha scritto pagine importanti della storia contemporanea quindi
    e’ normale aspettarsi che la scrittura di nuove pagine importanti saranno nuovamente
    scritte, con l’ entusiasmo ed il carattere che da sempre contraddistingue
    il Benetton’s style. In bocca al lupo Alessandro, sono sicuro che saprai
    soddisfare le più ambiziose aspettative.

  8. Max Cochetti says:

    Sfida difficile, visto la forza ed il posizionamento di altri gruppi che prima di voi hanno creduto in un modello più incentrato sul consumatore finale. Ma secondo me avete la forza per tornare tra i primi. In bocca al lupo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top