July 24, 2012

Marissa Mayer, donna e leader

Economia

Marissa Mayer, donna e leader

Lunedì scorso Marissa Mayer è stata nominata CEO di Yahoo!. La notizia ha avuto un’enorme risonanza sui media di tutto il mondo. Se ne è parlato tanto perché Mayer, che ha alle spalle una lunga esperienza in Google, rappresenta un esempio eccezionale: oltre a essere una delle poche donne a ricoprire ruoli dirigenziali di quel livello, è all’ottavo mese di gravidanza e non ha ancora compiuto 40 anni.

Pensandoci bene, però, a stupirmi è proprio lo stupore. In altre parole, perché la storia di Marissa Mayer deve rimanere un caso talmente isolato da finire sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo?

Provo a rispondere a questa domanda riallacciandomi a un altro episodio recente: negli Stati Uniti si è molto discusso (e si sta tuttora discutendo) di un saggio scritto su The Atlantic da Anne-Marie Slaughter, docente a Princeton ed ex consigliera di Obama, che ha spiegato pubblicamente le ragioni per cui si è recentemente dimessa dal suo incarico alla Casa Bianca. “Le donne non possono avere tutto”, ha titolato l’articolo: non possono avere carriera e figli, non possono ambire a essere contemporaneamente leader e madri. Il che, detto da un’intellettuale liberal di altissimo livello, ha fatto ancora più scalpore e ha suscitato un dibattito con pochi precedenti nella storia americana.

La questione resta apertissima e non ho la pretesa di giungere ad alcuna conclusione su un tema così ampio e profondo. Quello che è certo, in ogni caso (e prescindendo dal caso Slaughter, su cui mi piacerebbe tornare in futuro), è che c’è ancora molto da fare per mettere le donne nelle condizioni di dare il loro contributo alla società, non solo come madri ma anche come professioniste e come manager. Perché – di questo sono profondamente convinto, tanto da averne già parlato qui e qui – una donna porta nel lavoro, e addirittura in misura particolare nel lavoro manageriale, una sensibilità diversa, in genere più incline alla mediazione, all’inclusione, alla relazione, all’armonia.

Lo ripeto ancora una volta: se auspico un mondo con più donne in posizione di responsabilità, non è solo perché ho a cuore le opportunità delle donne stesse, ma è soprattutto perché siamo noi – la società, le aziende, le organizzazioni – ad avere bisogno di loro. Per rimettere in circolo idee, sensibilità, energie che, specie in un periodo di transizione come l’attuale, potrebbero rivelarsi preziose.

Economia. Tags: , , , , , , ,

Share Post

2 Responses to “Marissa Mayer, donna e leader”

  1. Brina says:

    Condivido su quello che dici di lei..
    Ma non condivido ciò che ha fatto a Yahoo Mail!!

  2. Nome Gabriella Colla says:

    Condivido completamente il Suo pensiero…peccato che le resistenze in proposito siano sempre tantissime sia nell’ambito professionale, sociale che in quello famigliare… Una donna “in gamba”, che crede e riesce in quello che fa, crea sempre stupore, invidie e difficoltà.
    A ciò si aggiunga il fatto che i mass media influenzano sempre in modo negativo il pensiero comune valorizzando ed enfatizzando esclusivamente l’aspetto di “velina” e poche volte riconoscano il valore delle donne “in gamba” che vengono considerate “mosche bianche”… quando, però, queste riescono a “bucare il loro bozzolo”, vengono pienamente apprezzate e sono nella condizione di trasformarsi in splendide “farfalle” e spiccare il volo verso grandi obiettivi. Complimenti a Marissa …!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top