July 21, 2015

Investire al Sud

Economia

Qualche settimana fa sono stato in visita alla SIFI, vicino Catania, ad Aci Sant’Antonio: la SIFI è una società italiana leader nel settore dell’oftalmologia in cui ho deciso di credere insieme a 21 Investimenti, ed è la classica eccellenza nascosta. È una piccola tessera nel mosaico del Sud che funziona, lavora, produce occupazione e ricchezza per un territorio che ne ha enormemente bisogno. Ho scoperto una realtà che cercheremo di far crescere e affermare a livello internazionale.

Gli ingredienti ci sono tutti: imprenditori giovani e capaci come i fratelli Chines, pieni di passione e determinazione; un capitale umano di grande qualità dentro un’azienda che ha fatto del rapporto con l’Università uno dei suoi punti fermi; un know-how scientifico e tecnologico che ha garantito nel corso degli anni – addirittura ottanta dalla sua fondazione – sviluppo e innovazione nella ricerca ai più alti standard mondiali. Avviare un percorso di valorizzazione di questo straordinario patrimonio è una sfida entusiasmante.

Ma Sifi non è un’eccezione. Il Sud Italia vive problemi innegabili, cronici, irrisolti da decenni, ma malgrado tutto sono in tanti ad aver costruito eccellenze nei più diversi settori. Penso ad esempio – per rimanere al lavoro di 21 Investimenti – all’abruzzese Valentino Sciotti che ha fatto di Farnese un’azienda modello nel mondo del vino, che esporta il 90% della sua produzione vitivinicola (ubicata tra l’altro nelle sole regioni del Meridione). Ci sono perciò a Sud giacimenti (storico-artistici, agroalimentari, ambientali…) e gioielli economici che meritano attenzione.

Spetta certamente alla politica e alle istituzioni creare le infrastrutture e le condizioni minime per fare impresa ma tocca agli imprenditori credere nelle straordinarie potenzialità di quest’area del Paese che ha bisogno di guardare al futuro con fiducia.

Economia. Tags: , , , , ,

Share Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top