December 12, 2012

Dcm Capital e i “mercati umorali”

Economia

Dcm Capital e i “mercati umorali”

Dcm Capital è una società finanziaria inglese. Che, a quanto pare, ha creato una piattaforma online in grado di prevedere l’andamento delle Borse grazie al monitoraggio di ciò che accade su Facebook e Twitter. Tutto è basato su un algoritmo in grado di rielaborare le informazioni condivise sui social network per ricavarne quello che – non a caso – in ambito finanziario viene chiamato il “sentiment”.

L’idea di fondo è che se le persone sono di buonumore tenderanno a mantenere i titoli di cui sono in possesso, mentre se sono di umore negativo tenderanno a venderli. Semplicistico? Onestamente non mi pare. Due anni fa un algoritmo simile elaborato da Johan Bollen, dell’Università dell’Indiana, si è dimostrato capace di prevedere, con una buona attendibilità, i movimenti del Dow Jones con tre giorni di anticipo.

Mi chiedo che cosa ci rivelerà in futuro il web, quando le informazioni condivise saranno ancora più numerose e accurate. Ma, soprattutto, fino a che punto (e con quali effetti) i mercati, sempre più decisivi per le sorti dell’economia e delle società, possano arrivare a dipendere dal nostro umore del momento: dal nostro entusiasmo, dalle nostre ansie, dal nostro panico. Una più decisa regolamentazione a livello globale potrà forse inibire, in alcuni casi, la nostra euforia. Certamente, però, ci aiuterebbe a limitare gli effetti (quelli sì, incalcolabili) che, come dimostrato dalle vicende degli ultimi anni, il nostro volubile e talvolta irrazionale stato d’animo può provocare su scala globale.

Economia. Tags: , , , , , , , , ,

Share Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top